Aree Fabbricabili

Accertamento Aree Fabbricabili

RSS di Ultima Ora - ANSA.it

Storia

Sull'origine del toponimo sono sorte, nel corso dei secoli, diverse dispute. Su tutte, incluse le possibili derivazioni dai nomi di origine greca Patisco e Patyces, sembra prevalere la tesi, sostenuta dai più, secondo la quale il toponimo rifletta l'aggettivo latino Paternus (paterno), con significato analogo al settentrionale Paderno, nel senso di fondo ereditato dal padre, come risulta da vari esempi in Veneto.

L'edificazione della prima comunità paternese viene fatta risalire al X-XI secolo d.C., per merito degli abitanti di San File e Pregliano, due piccoli casali derivanti a loro volta dal più antico casale San Marco. Probabilmente il documento più antico in cui si fa menzione del paese è quello, proveniente da Oppido Mamertina (CZ) e datato 1188, in cui è presente l'aggettivo.

In un documento in volgare del 1310, si cita invece l'aggettivo de Paterno. Il paese presenta la denominazione attuale ufficialmente dal 21 aprile 1863, allorchè un Regio Decreto ne mutò il nome dall' originale Paterno per distinguerlo da molti altri omonimi sparsi per la penisola. Al di là di ogni dubbio, comunque, sembra evidente ritenere che Paterno fosse un centro assai importante nel circondario cosentino.

L'Ughelli, eminente storico del XVI secolo, lo definisce un villaggio nobile e ricco, e a lui fa eco il Costa, suo contemporaneo, per il quale Paterno resta da sempre grande e popoloso. Una grandezza ed importanza nell'hinterland cosentino testimoniata anche da altri storiografi, che assegnano a Paterno persino una sede vescovile, attorno all'anno 1000.

Quello che è certo è che il paese passò sotto le dominazioni degli Angioini, degli Svevi e quindi degli Aragonesi, quando, in particolare, divenne una delle 21 baglive che circondavano Cosenza. Un passato storico di alto splendore del quale oggi non è rimasta che una sola, mirabile perla, grazie alla quale Paterno Calabro resterà comunque indimenticato e indimenticabile nel tempo.

Qui, tra queste colline, cullato dal vento che d'inverno soffia potente e maestoso e d'estate si fa brezza leggera che rinfresca e purifica la mente, visse e operò in santità per un quarantennio Francesco di Paola, "il paternese" per eccellenza. Della sua presenza è testimone silenzioso ma vivo il Santuario, sorto per volontà dello stesso taumaturgo nel 1444.

Da allora, Paterno e il Santuario vivono in simbiosi profonda: ogni momento importante della vita del primo ruota attorno al secondo, come in un legame inscindibile che va al di là del tempo e che finisce per superare anche il più profondo ateismo.

Comune di Paterno Calabro (CS) P.zza Municipio,9 - 87040 - Tel. 0984/476031 - Fax 0984/476030 - P. IVA 00399900786

HTML 4.01 Strict Valid CSS
Pagina caricata in : 0.087 secondi
Powered by Asmenet Calabria